Donna e l'energia femminile,  Guida,  I passi per cambiare la nostra vita,  Riflessioni

La felicità nelle relazioni

Nello stesso articolo voglio parlare di ciò che deve essere fatto per correggere le relazioni della vita personale, per armonizzare la felicità nelle relazioni personali. Queste sono alcune linee guida generali. Va bene anche per gli uomini con problemi di relazioni.

Raccomandazioni per donne single:

1.Il primo passo è l’accettazione. Bisogna accettare la propria solitudine. Non lamentarti: dicendo, “nessuno ha bisogno di me”. E non fati prendere dal panico: “gli anni passano, le mie amiche sono sposate e io sono sola”. E in nessun caso dovresti pensare: “qualcosa non va con me”… Comprendi una cosa semplice, la solitudine è una BENEDIZIONE. Questo è un dono di Dio per te, accetta con gratitudine questo dono inestimabile! Il tempo della solitudine ti è dato per prepararti a un incontro con l’uomo dei tuoi sogni. Dopotutto, può darsi che, per destino, tu abbia un uomo molto buono, ma non sei ancora in grado di raggiungerlo con l’energia. Dandolo a te ora, rovineresti tutto. Dio non darà un uomo buono in cattive mani. Devi lavorare su te stessa, cambiare, qualcosa altro da capire o imparare.

Immagina un adolescente di 12 anni che sogna un’auto senza avere la patente. E ora il sogno diventa realtà: prende la sua macchina. Cosa gli succederà? Incapace di guidare, si romperà molto rapidamente. E’ un’altra cosa quando compie 18-19 anni e ottiene la patente, quindi puo’ guidare una macchina! Lo stesso vale per le relazioni. Non affrettare le cose. Preparati per una relazione, acquisisci conoscenze su come costruire le relazioni. Può anche darsi che tu abbia solo un altro periodo astrologico ora e devi concentrarti su altre cose, non sulla tua vita personale. La vita personale in questo caso non andrà da nessuna parte, arriverà. C’è un tempo per tutto in questo mondo. Usa questo tempo per il tuo bene.

Questo periodo ti è stato dato per lo sviluppo della tua femminilità, al fine di accumulare energia femminile in te stessa, nutrirla, capire alcune cose. Perché per stare con un uomo e tenere l’uomo accanto a te, devi avere molta energia e saggezza femminili.

Quindi, sii interessata all’argomento delle relazioni, leggi libri su questo argomento: posso immediatamente consigliarti “Gli uomini vengono da Marte, le donne da Venere” di John Gray, “Il cuore dei cinque linguaggi dell’amore” di Gary Chapman, “Il fascino della femminilità” di Helen Andelin.

Frequenta seminari, corsi di formazione. Comunica di più con le donne che hanno una vita familiare felice: diventiamo quelle con cui comunichiamo. La comunicazione è una cosa molto importante. Nella psicologia orientale, si dice che una persona è come un camaleonte: prende il colore di quello con cui comunica. La comunicazione determina la nostra vita, perché assorbiamo le qualità del nostro ambiente, l’ambiente in cui viviamo. Pertanto, cerca di escludere la comunicazione con donne opache, pessimiste e single. Chatta con donne felici e di famiglia. Lavora su te stessa. Ama te stessa e la tua vita!

2.Accetta la tua femminilità, ama il tuo femminile. Ora c’è un’epidemia totale nel mondo: alle donne non piace il loro principio femminile, lo abbandonano, sviluppano qualità estranee alla natura femminile. Questa è la ragione principale della solitudine. Spesso una donna è sola perché non sopporta la prova nel quadro della sua natura femminile. Le donne si sono affrettate a sviluppare la natura maschile dentro di sé, il leadership, indipendenza, forza, attività, determinazione, coraggio, ecc. Hanno iniziato a vivere secondo il principio: posso fare tutto da sola, sono forte. Un esempio è il movimento delle femministe. Il femminismo è tutto anti donna. Una femminista non avrà MAI un destino femminile organizzato e felice.

Abbiamo energia sia maschile che femminile, yin e yang. Quindi, se veniamo in questo mondo come donne, dobbiamo realizzarci come donne. Sviluppare in noi non qualità maschili, ma femminili, la femminilità, modestia, tatto, tenerezza, tolleranza, lamentela, dolcezza, debolezza, indifferenza, saggezza, bellezza, creatività, capacità di dare amore, ecc. Dobbiamo imparare a creare un’aura d’amore intorno a noi e bellezza. L’energia femminile in noi deve suonare il primo violino. Un buon rapporto è l’80% dell’energia femminile e il 20% dell’energia maschile. Nelle donne moderne, è spesso il contrario: all’inizio cammina l’energia maschili e la femminile è nella radice. Da qui il disordine nella sua vita personale: un uomo vicino ha bisogno di una donna, una dea e non un concorrente con una gonna! Tutto ciò di cui un uomo ha bisogno da una donna è l’energia femminile e se sviluppiamo energia che è estranea alla nostra natura, allora non abbiamo nulla da dare a un uomo! Noi donne siamo perfettamente vuote. E questo è il problema. Dobbiamo imparare a riempire il nostro spazio della femminilità. La capitale principale di una donna è la sua femminilità. Questa è la capacità di dare amore!

Quindi guardati, rispondi onestamente alla domanda: quali tratti caratteriali prevalgono in me? Sono dentro un uomo o una donna? Scrivi su un pezzo di carta come sei nella vita, descrivi il tuo personaggio. Vedi, esternamente puoi sembrare una donna, una donna, ma dentro c’e’ energia maschile, indipendenza. Sono state acquisite qualità maschili di carattere. Una donna è femminilità sia all’esterno che all’interno! La femminilità all’interno è ancora più importante che all’esterno: se scopri che ci sono tanti uomini in te non importa. La cosa principale è che te ne sei reso conto, il che significa che metà del lavoro è fatto. Ora devi solo stabilire un obiettivo per allontanarti dal maschile in te stessa e sviluppare il femminile. La motivazione e il desiderio di cambiamento fanno miracoli!

Un indicatore di come ci relazioniamo al nostro femminile è il nostro rapporto con la mamma. In realtà, come ci relazioniamo con la mamma, che tipo di relazione abbiamo con lei, quindi ci relazioniamo con noi stessi come con una donna. E il modo in cui mi tratto da donna, otterrò esattamente lo stesso atteggiamento dal mio uomo. Non mi faccio regali, non li riceverò dal mio uomo. Non mi coccolo, e lui non mi coccolerà. Io “martello” il mio femminile e lui “martellerà” me!

Quindi, tornando alla relazione con la mamma, qui ti consiglio di condurre una pratica per migliorare le relazioni con la mamma, purificando il tuo subconscio da programmi negativi relativi alla mamma. Consiglio di farlo a tutte le donne, indipendentemente dal fatto che tu abbia una relazione buona o cattiva con tua madre. Anche con le relazioni più meravigliose durante l’infanzia, potremmo essere offesi dai genitori, ecc. E questa informazione negativa potrebbe rimanere nel nostro subconscio.

La pratica dura 40 giorni. Inizi a eseguirla un lunedì che scegli. Il lunedì è il giorno in cui governa la luna. La luna è un pianeta femminile, questa è la maternità, questa è nostra madre. Pertanto, l’inizio della pratica dal lunedì. Quindi, nel calendario, conti dal giorno iniziale 40 giorni e cerchia questa data, ogni giorno, eseguirai determinate azioni. In qualsiasi momento quando sei libera, fai quanto segue: su un pezzo di carta, con la mano sinistra, e con la destra, se sei mancina, scrivi tre frasi:

“Cara mamma, nome della mamma, ti chiedo scusa per tutto”
“E ti perdono per tutto”
“Ti amo, rispetto e accetto”

Dopo aver scritto queste frasi, devi fare gli inchini. Inchinarti alle sue gambe, direttamente dal punto di vista fisico. 🙂 Quante volte 3, 7, 10. Quanto vuoi. In casi speciali, puoi fare 108 inchini! 🙂 Puoi inchinarti davanti alla foto di tua madre o semplicemente visualizzando la sua immagine. Questa pratica è un’enorme pulizia per il subconscio. Se non hai mai avuto una buona relazione con tua madre, allora migliorera. Durante la pratica, potrebbero esserci lacrime, anche singhiozzi, alcuni casi della tua relazione con tua madre che potresti aver dimenticato potrebbero sorgere. Le relazioni con la madre possono aggravarsi se sono difficili, ma alla fine della pratica acquisiscono di solito un carattere più caldo ed emotivo. La pratica richiede 5 minuti al giorno, ma i suoi risultati sono semplicemente fantastici. Migliora il tuo rapporto con tua madre, e quindi con il tuo femminile, inizi ad accettarti come donna.

Sorge spesso la domanda: cosa fare degli fogli scritti? Brucciali immediatamente o accumulali in pochi giorni e poi brucciali. Se hai perso un giorno su 40, va bene, continua, solo la pratica durerà un giorno in più. Se hai perso una settimana, probabilmente ha senso ricominciare da capo! Puoi lavorare anche quando tua madre è andata in un altro mondo migliore. In ogni caso, puliamo il nostro subconscio e puliamo anche le linee ancestrali sulla linea femminile.

Perché questa pratica funziona? Perché quando scriviamo qualcosa, alcuni dei nostri pensieri, segnaliamo al nostro subconscio, che questo è importante! Quando scriviamo con la insolita mano sinistra, forziamo l’emisfero destro a funzionare e l’emisfero destro è direttamente correlato al nostro subconscio. Quando ci inchiniamo, eseguiamo azioni fisiche. Come cambiano i programmi subconsci? Attraverso emozioni e azioni. Dobbiamo essere coinvolti emotivamente nell’azione. L’inchino è generalmente una cosa straordinaria. È attraverso l’inchino si lavora sull’orgoglio. Quando ci inchiniamo, la nostra testa scende sotto il nostro cuore. Nella nostra testa vive la nostra mente irrequieta, da cui i nostri problemi e l’egoismo. E la nostra Anima vive nel cuore, ma noi siamo davvero l’Anima. Quando ci inchiniamo, viene creata la gerarchia corretta: l’Anima è più alta dell’ego e della mente.

3.La vita personale di una donna può anche essere chiusa da una relazione instabile con suo padre. Cosa provo per papà, quindi generalmente mi riferisco agli uomini. Poi vado avanti e indietro! Cattivi rapporti con papà garantiscono che ci saranno cattivi rapporti con il marito e gli uomini in generale. Vedi, anche se hai un centinaio di ragioni per essere offesa con i tuoi genitori e dire la tua, non dovresti farlo. I nostri genitori sono rappresentanti del Signore Dio sulla Terra. Papà è l’energia divina maschile. La mamma è l’energia divina femminile. Come ci relazioniamo con i genitori, questo mostra essenzialmente come ci relazioniamo con Dio.

Quando abbiamo deciso di venire in questo mondo, noi stessi abbiamo scelto i genitori e l’esperienza della vita che abbiamo ricevuto attraverso di loro. Anche se i miei genitori conducono uno stile di vita brutto, sono ancora i miei genitori e non dovrei giudicarli. Dobbiamo provare gratitudine nel cuore perche’ ci hanno dato la vita. Esternamente, possiamo non contattare i genitori che sono spariti dalla nostra vita (se ciò è accaduto), ma dentro dobbiamo accettarli e non giudicarli! Quindi, in questa fase, dobbiamo lavorare con papà. Tutto è uguale, gli stessi 40 giorni, quasi la stessa frase (sostituiamo solo la cara mamma con il caro papà), inchini. L’unica differenza è che con papà inizieremo a lavorare domenica. La domenica sovrintende al sole. Questo è il pianeta maschile, il pianeta del padre. Il sole è un indicatore di mio padre e del mio rapporto con l’energia maschile.

È importante, non consiglierei di lavorare con due genitori contemporaneamente. Troppa tensione sul subconscio. Questa è un’enorme pulizia, non c’è bisogno di avere troppa fretta, o essere troppo tesi. Facciamo tutto lentamente e con amore! Abbastanza tempo. Cosa significa due mesi rispetto all’eternità? 🙂 Lavorando con papà, elaboriamo l’intero genere maschile. Ci purifichiamo di orgoglio ed egoismo verso gli uomini. Incredibili cose iniziano a succedere dopo aver lavorato con papà. Qualitativamente, altri uomini stanno iniziando a venire nella tua vita. Poi ti trattano diversamente, con rispetto. Dopo aver lavorato con entrambi i genitori, la vita personale della donna viene rivelata, se non del tutto, quindi sicuramente il 70%!

4.Cos’altro impedisce la vita personale? Questa è la paura della solitudine. Vedi, quando abbiamo questa paura dentro, siamo “invasori”, consumatori sul piano interno. Vogliamo “catturare” un uomo, stare con lui non perché amiamo, ma semplicemente per non essere soli. La paura e l’amore sono due energie opposte. Dove c’è paura: non può esserci amore e viceversa, dove c’è amore: non c’è posto per la paura. Nella paura, vogliamo stare con qualcuno insieme non perché siamo felici da soli e vogliamo condividere questa felicità con una persona cara, per dare amore, ma perché abbiamo paura di essere soli. Siamo infelici e vogliamo essere felici a spese di un altro. Questo è un atteggiamento molto egoistico. Nella paura, non siamo capaci di amore e dare, vogliamo solo consumare.

Un altro punto importante per quanto riguarda le paure, uno dei principi di base della psicologia orientale è: “Attiriamo ciò che temiamo nella nostra vita!” Immagina ciò che temiamo e ci accade! C’è una paura della solitudine in me, riceverò la solitudine nella mia vita! Per liberarmi di questa paura, raccomando di seguire la seguente meditazione:

Siediti comodamente. Assicurati che nulla ti disturbi o ti distragga. Calma la mente. Segui il respiro. Puoi attivare musica calmante e meditativa. Relax…

Immagina che sarai sempre sola in questa vita, non avrai mai una persona cara, figli. MAI! Guarda questa foto della solitudine, sentila in ogni cellula! Accetta questa situazione internamente e dì: “Dio, se lo vuoi davvero, accetto. Sono pronta ad essere sola per tutta la vita, senza marito, senza figli! “. Devi davvero sentire questa prontezza internamente per accettare la possibile solitudine, non ci dovrebbe essere alcun sconfronto, solo calma e completa accettazione interiore.

Quindi racchiudi una foto della tua solitudine in una palla che poi si eleva in alto nel cielo e lì si disperde in mille piccoli pezzi. La tua solitudine si è rotta !!!

Quindi visualizzi un’altra immagine, in cui incontri il tuo uomo, sei felice e cammini mano nella mano lungo la strada soleggiata, tenendo per mano dei bambini. Tu ami e sei amata. Il sole splende, gli uccelli cantano, sei piena di amore e gioia, senti questo amore e pienezza con ogni cellula del tuo corpo. Resta, goditi il ​​momento. Metti questa immagine luminosa e gioiosa nel tuo cuore e vivi con essa. Fai questa meditazione più volte, fino al momento in cui attraversi tranquillamente la prima parte della meditazione, dove sei sola.

Questa meditazione pure è un modo potente per elaborare le nostre paure. Qualsiasi paura, paura della solitudine, paura di perdere i propri cari, paura della povertà, ecc. La nostra lezione si svolge sul piano interno. E se internamente abbiamo superato qualcosa, non ha senso per noi che Dio lo dia sul piano esterno. Abbiamo risolto il nostro problema. E ora entreremo in una relazione non per paura di essere soli, ma per amore!

 

“Gli uomini vengono da Marte, le donne da Venere” di John Gray. Assolutamente consiglio la lettura del libro anche agli uomini.

FAMMI VEDERE CHE SEI VIVO!!!.. Lascia un commento e dimmi che pensi...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright © 2018 Lapofthegod.com. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta tramite alcun procedimento meccanico, fotografico o elettronico, o sotto forma di registrazione fonografica; né può essere immagazzinata in un sistema di reperimento dati, trasmessa o altrimenti essere copiata per uso pubblico o privato, escluso l’“uso corretto” per brevi citazioni in articoli e riviste, senza previa autorizzazione scritta dell’editore. Lapofthegod non dispensa consigli medici né prescrive l’uso di alcuna tecnica come forma di trattamento per problemi fisici e medici senza il parere di un medico, direttamente o indirettamente. L’intento di lapofthegod è semplicemente quello di offrire informazioni di natura generale per aiutarvi nella vostra ricerca del benessere fisico, emotivo e spirituale. Nel caso in cui usaste le informazioni contenute in questo sito per voi stessi, che è un vostro diritto, lapofthegod non si assume alcuna responsabilità delle vostre azioni. Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: