VIZI VIRTÙ E PECCATI CAPITALI DEI SEGNI ZODIACALI

Gemelli

Lettura semiseria dei difetti, delle manie e delle inclinazioni naturali dei vari segni zodiacali

“Carissimi …!” cof, cof. Mi sono quasi strozzata con una briciola di biscotto all’avena che avevo inzuppato nel te.

“Scusate devo aver perso la nozione del tempo , non immaginavo fosse già così tardi. Questa sala da te trabocca di tazzine di ogni genere e dimensione ma ci fosse uno degli orologi appesi che segna l’ora giusta!” mugugno sottovoce alzandomi.

“E’ sempre l’ora giusta da Qualche Parte!” afferma deciso il mio dirimpettaio , reggendo la tazzina con le punta delle dita guantate e sollevando il mignolo in una posizione piuttosto frivola, prima di sorseggiare rumorosamente il suo tè.

“ Se per questo Altrove l’ora è giusta due volte al giorno!” commenta balbettando la lepre Marzolina la cui vista peggiora di anno in anno ma si ostina a non voler indossare gli occhiali. Faccio finta di non vedere le enormi macchie sulla tovaglia che una volta doveva essere bianca.

“ Capisco ma Qui, adesso, che ora è?” tento sperando poco in una risposta sensata.

“ Che domande! Tra cinque minuti sarà l’ora di ieri a quest’ora!” ecco appunto. Logico e lapalissiano.

“ Fino lì potevo arrivarci da sola …” Improvvisamente ricordo perché avevo diradato le visite nel Paese delle Meraviglie.

“ Allora dovevi girare alla prima stella a destra e diritta fino al Mattino!” riprende il Cappellaio estraendo l’orologio da taschino per inzupparlo nella sua tazza. La mia mano è già a mezz’aria per impedirgli di affogarlo una seconda volta ma la sua espressione di rimprovero mi frena.

“ Ma quella non è l’indicazione per L’Isola che non c’è?” cambio discorso.

“ Pensi di essere divertente? Solo perché ho perso qualche rotella tra una tazzina di te e un altra, credi di poterti burlare di me?L’isola che non c’è! Se non c’è non c’è ! di sicuro non è qui. Ne l’ho presa io! Non saprei nemmeno dove metterla un isola …” versandosi il te ben oltre la tazza e il piattino.

Bene ragazzi credo sia meglio che mi defilo intanto che il Cappellaio conta le zollette di zucchero e la lepre dorme. Seguitemi, vi faccio strada. Apro un tovagliolo di carta lilla su cui ho annotato le indicazioni per arrivare al Bosco.

Perché siete qui? Il Bianconiglio non vi ha detto nulla? No, non dobbiamo incontrare il lupo. Ma i Gemelli. Vi ricordate che abbiamo già conosciuto Ariete e Toro? Si?

Ecco ero partita con il proposito di intervistare Jhonny Deep ma è impegnato nella promozione suo ultimo film Arrivederci Professore. Allora ho provato a prendere appuntamento con Giano Bifronte , ma la sua segretaria mi ha detto che era in ritiro per scrivere la lista dei buoni propositi per il Capodanno. E Narciso è in ritiro spirituale in un onsen giapponese a tempo indeterminato. Sulla mia agenda delle Possibilità mi sono rimasti solo loro. Per questa volta vi chiedo di accontentarvi e usare l’immaginazione. D’altronde non posso aspettare secoli per riuscire a scrivere questo articolo , riesco ad essere in ritardo anche quando parto in anticipo. Oh eccoli, i Gemelli, laggiù. Li vedete? Quei due , panciuti e rubicondi con la T-shirt a righe bianca e nera ,i pantaloni al ginocchio e le bretelle, intenti a spostare da destra a sinistra e viceversa i cartelli con le indicazioni ..oh ne hanno aggiunti di nuovi!? Oddio la tecnologia ha invaso anche il Paese delle Meraviglie- Eh io che venivo qui per fare un digiuno tecnologico completo due volte l’anno!

Schiarisco la voce per far notare la mia presenza …

“ Signori e Signore ecco a voi i Gemelli ! Alla vostra destra ,con il baffetto alla Salvador Dalì Pinco Panco e a sinistra con in mano una lampadina suo fratello gemello Panco Pinco! Credo …”

“ Sbagliato Alice , Io sono me ma lui non è lui!” indicandosi a vicenda.

Fate finta di aver capito e annuite. A loro piace creare confusione. In alcune culture sparse per il mondo i gemelli diventano dei veri Bricconi Divini e si incarnano per sovvertire l’ordine costituito quando diventa fissità e prigionia . Scusate avevo voglia di fare una citazione colta.

“Scusate ragazzi potreste mettervi in posa per una foto?” elogiateli e fotografateli, elogiateli e sorridete alle loro battute e vi degneranno di attenzione … fino al prossimo ruffiano di turno più avvezzo di voi alle lusinghe.

“Lavori per la Regina di cuori? Sembra che il Re le abbia suggerito di trovarsi un nuovo hobby … un giornalino di gossip! L’unico che legge ciò che sua maestà scrive è il fante che altrimenti perde il posto!”

“Neanche per idea ,sono una free-lance ,scrivo per il mondo di sopra!Spiritualità e zodiaco principalmente , ma anche di altro quando mi va!”  ci tengo a chiarire.

“Sua spiritosità Principe Indaco! Sarà uno di quei sangue blu che si è comprato il certificato di regalità all’ufficio dismessi …che nome ridicolo!” scoppiano a ridere mostrando una dentatura di tutto rispetto e tonsille da tenore. Di che cavolo stanno parlando di grazia?

“Il mio lato migliore è quello destro, il suo è il sinistro. ”

“Bene ragazzi al mio tre sorridete , un po’ meno !” metteteli al centro dell’attenzione e saranno perfino gentili. Per qualche minuto.

“ Alice che hai fatto ai capelli?” in coro e con aria preoccupata che per un attimo mi fa temere di aver bevuto qualcosa che non fosse te, visto il padrone di casa. Mi tocco i capelli. Tutto a posto. Colore idem. Sollievo.

“Io veramente non sono Alice , mi chiamo Taiga. E non ho fatto niente ai capelli. Ma l’aria di qui me li arriccia.”

“Sai cantare?”cambiano discorso in coro.

“Più no che sì! Non sono proprio stonata ma …”

“ Sai risolvere enigmi?”

“ No … ora potete scambiarvi di posto? E sorridete … ”

“Racconti barzellette?” facendosi le corna l’uno dietro la testa dell’altro.

“ Neanche” a dire il vero non mi piacciono le barzellette …un trauma passato di cui forse vi parlerò …

“Sai giocare a nascondino?”

“ Nascondino sì, sì me lo ricordo!”

“Noi no e comunque è un gioco per plebei” mi liquidano sghignazzando e prendendo a saltellare verso l’interno del bosco .

“ Potreste fermarvi un momento? Volevo farvi una breve intervista per farvi conoscere dagli umani …se vi fermate: Piuttosto , dove stiamo andando?” abbiamo appena oltrepassato un cartello con la scritta “El merendero”.

“Tu dove vuoi andare?” si gira Pico Dalì strizzandomi l’occhio.

“Da nessuna parte!”

“ Troppo lontano per andarci oggi, ed è ora di merenda.” risponde suo fratello.

“No! Volevo dire che io non devo andare da nessuna parte, Qui va bene”

“ Qui va bene è tutto da un Altra Parte …”

“ Veramente io stavo solo seguendo voi due, ma mi va benissimo se stiamo tranquillamente qui!” ho già il fiatone. Sono molto agili per essere cosi cicciottelli.

“Sei un po’ indecisa Alice, come fai ad arrivare puntuale agli appuntamenti?”

“Io non sono Alice ve l’ho già detto e comunque voi due vi ho trovato anche se vi spostate di continuo!No?”

“ Non sei tu che ci hai trovato. Siamo noi che siamo venuti a cercarti. Il tuo senso dell’orientamento è imbarazzante! Ti dai troppe arie per essere un Alice Qualunque.” lo ammetto la Pazienza l’ho lasciata nell’armadio di casa e la razionalità sta andando a cercarsi un posticino sotto un fungo.

“ Che ne dite se faccio finta di avere capito e voi fate finta di stare fermi come lampioni e vi lasciate intervistare?”

“ Facciamo finta-game? Sììì … mi piace questo gioco. Chi comincia?”

“ Io l’ho proposto io inizio a giocare !” assertiva . Meglio far valere l’età e l’autorità sennò se ne approfittano.

“ Senti senti la finta Alice! Sicura di non essere parente della Regina di Cuori? Ho sempre avuto questo sospetto! Guarda persino il profilo assomiglia un po al suo se la guardi bene da un angolo di 45 gradi a sinistra con il sole al tramonto. Pure maleducata allo stesso modo!”

“Io maleducata? Quando? Come? Voi siete maleducati …”

“Oh scusa questo è “diciamo tutto e il contrario di tutto-game!” si guardano.

“Non era parole in libertà game?”

“ No quello lo abbiamo giocato ieri …”

“ Che ne dite riprendere a giocare facciamo finta che sono Alice  e vi lasciate intervistare fermi come un lampione game?”

 

Intanto che si guardano valutando quanto ci guadagnano a darmi retta (credo dovrò passare alla coercizione economica altrimenti detta ricatto per farmi prendere sul serio) cerco qualcosa che posso trasformare in un lazo. Quanto mi avrebbero fatto comodo le fascette da elettricista di mister Grey!

Non sapendo quanto alle lunghe andrà avanti questa trattativa vi congedo e vi do appuntamento alle 15 sfumature di Gemelli . Impresa che mi costerà minimo diverse merende , neuroni e ore di sonno , visti gli elementi in questione.

 

Poi dicono che scrivere non è un mestiere duro.

A prestissimo .

Continua nella seconda parte… (sarà pubblicata il 30 giugno 2019)

FAMMI VEDERE CHE SEI VIVO!!!.. Lascia un commento e dimmi che pensi...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright © 2018 Lapofthegod.com. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta tramite alcun procedimento meccanico, fotografico o elettronico, o sotto forma di registrazione fonografica; né può essere immagazzinata in un sistema di reperimento dati, trasmessa o altrimenti essere copiata per uso pubblico o privato, escluso l’“uso corretto” per brevi citazioni in articoli e riviste, senza previa autorizzazione scritta dell’editore. Lapofthegod non dispensa consigli medici né prescrive l’uso di alcuna tecnica come forma di trattamento per problemi fisici e medici senza il parere di un medico, direttamente o indirettamente. L’intento di lapofthegod è semplicemente quello di offrire informazioni di natura generale per aiutarvi nella vostra ricerca del benessere fisico, emotivo e spirituale. Nel caso in cui usaste le informazioni contenute in questo sito per voi stessi, che è un vostro diritto, lapofthegod non si assume alcuna responsabilità delle vostre azioni. Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: