VIZI VIRTÙ E PECCATI CAPITALI DEI SEGNI ZODIACALI

15 SFUMATURE DI SAGITTARIO

1) SPEEDY GONZALES

Chi non conosce il mitico topino messicano dotato di sorriso perenne, ottimismo incorruttibile e velocità supersonica? L’amico dei più deboli che si contrappone senza il minimo sforzo ai tentativi di catturarlo , confinarlo e farlo sparire dalla circolazione?

Il nostro quadrupede di fuoco incarna, non solo questo aspetto “di baciato da un insolita dose di fortuna ”, ma l’altrettanto veloce capacità di scansare ostacoli ed effetti collaterali che spesso fanno capitolare anche i bipedi più accorti e dotati di maggior intelletto ma riflessi da Matusalemme. Visto quanto può essere sbadato e perso nell’inseguire libellule nei prati ci si chiede che tipo di angelo custode gli sia stato assegnato e perché a lui che, non sempre ha tutto questo senso civico e di responsabilità collettiva. Misteri gloriosi.

 

2) SE NON ORA QUANDO?

I segni di fuoco hanno un rapporto esclusivo con il tempo. O meglio lo escludono proprio dalle loro equazioni personali. Ignorano il tempo altrui mentre sono molto gelosi del proprio. Anche il Sagittario ha questo senso sospeso tra il pensare una cosa e farla. O agisce immediatamente o se ne dimentica .

Lo scorso novembre potrebbe aver vagamente sentito qualcosa come ;“ mi aiuti a mettere due chiodi fuori dalla porta che questo natale vorrei aggiungere un filo di luci esterne?” ma era troppo preso dal suo nuovo attrezzo per bricolage per capire che il messaggio era rivolto a lui. Passa un mese. Avete passato il 22- 23- 24 a pulire ,fare spesa, cucinare indemoniata come una kali dei fornelli . Ore 22 del 24 dicembre. Vasca da bagno. Candele. Bollicine . Meritato relax. Uno ,due ,tre minuti di silenzio. Che pace.  Si ode un allegro bussare alla porta del bagno. E una squillante voce intonare;“ tesoro ho preparato chiodi e martello ,recupero la scala. Che ne dici se tra 5 minuti andiamo a montare le luci fuori dalla porta? Sai domani è Natale!”

 

3) SINCERITA’

Adesso è tutto cosi semplice ,con te che sei l’unico complice di questa storia magica!”

Ama credersi innocente come un bambino. Del bambino in questione ha conservato sicuramente la capacità di rinfoltire il reparto “balle spaziali” della sua personalità e di arredarne gli scaffali di nuove e sempre più floreali ad ogni anno che passa. E’ consapevole che chi gli sta intorno sviluppa sempre più anticorpi ai suoi castelli di fumo . Pertanto alle balle classiche , scientificamente composte per almeno due terzi di verità , di un terzo di improbabile ma non impossibile e un ultimo di fatalismo, ha aggiunto una buona dose di citazioni brillanti, aforismi, stralci di poesie , filosofia, e psicologia, così che visto da fuori non possa che apparire troppo colto per essere un raccontaballe .

 

4) PINOCCHIO

Sempre a proposito di sincerità ha sviluppato un intero pensiero filosofico che a grandi linee rende molto nebulosi i confini tra verità e bugia. Alle bugie bianche, che sono per lui un po’ come il quinto emendamento, un mezzo legale di cui avvalersi quando si vuole evitare il peggio dichiarando apertamente che c’è un peggio da evitare, ne ha create una per ogni colore dell’arcobaleno e per giorno della settimana. Dopo aver decimato a furia di malattie, epidemie, incidenti, lutti, resurrezioni ed eventi paranormali quasi 7 generazioni della sua famiglia, per giustificare, dimenticanze, ritardi, sparizioni e bilocazioni ,ha un ampio repertorio di opere caritatevoli ,culturali, di utilità sociale, di stampo civico e quelle ambientaliste … Voi lo guardate con l’aria smaliziata della fata turchina e lo mandate a letto senza cena. Lui in punizione nello sgabuzzino si chiede dove ha esagerato. Sbagliando si impara. A raccontarle meglio.

 

5) IL FISICO DEL RUOLO

Nel club non tanto anonimo dei “ Falsi d’autore” lui ha il distintivo di falso modesto. Ovviamente i suoi amici di merenda sosterranno la pubblicità ingannevole di persona genuina e altruista. Come un saggio disse “non giudicare un uomo dai suoi amici” perché sono le persone meno indicate a dire il verità. Dopotutto l’amicizia è un tacito accordo di reciproca omertà dove si dividono le magagne di ciascuno a suon di lifting e cavilli giuridici e si ripartiscono e moltiplicano le lodi a doti spesso immaginate durante il pisolino post prandiale o la pausa sigaretta di conforto. Ricordate sempre che Giove è il patron del segno è che vi ha infuso carrettate di senso di onnipotenza divina per cui ,Lui, Il bambino d’oro , può disertare le regole e i doveri in vista degli scopi ultraterreni che deve portare a compimento per l’Olimpo. Il suo scopo nella vita? Educare le folle e resuscitare i Lazzaro sparsi nei 4 cantoni. Lo slogan “ Dio esiste ,io ne sono la prova vivente!”

 

6)LA MUSA

Continuando il discorso sopra iniziato, il nostro centauro nei momenti di ebrezza alcolica da contemplazione soddisfatta di se stesso , sente le voci. Forse cori angelici, o trasmissioni radio dalla Lapponia a Babbo Natale. Forse Giovanna d’Arco o Santa Ildegarda. O le urla poco angeliche di Giunone rincasata troppo presto dalla serata di meditazione zen del club delle prime mogli. Sta di fatto che qualcuno lassù lo ha convinto di essere l’anello di congiunzione tra l’umano e il divino e che per tale motivo debba donarsi alla scienza. I suoi geni sicuramente contenga quello di Einstein per continuare le discussioni  sulle teorie delle stringhe . E il suo corpo? Forte, muscoloso, a prova di proiettili d’argento sarà offerto come tela vergine di artisti visionari per incarnare sogni e soddisfare bisogni. Il tutto però solo dopo il suo ritorno dal progetto spaziale Outlander dove sarà spedito come ambasciatore per la terra su Marte insieme alla bis bis bis nipote di Laika .

 

7)ULISSE1

Dichiaro subito le mie note antipatie per il tipo del Viaggiatore Scortese che, non pago della vita domestica che si è scelto in tempi non sospetti , sempre per colpa dei famosi segnali dallo spazio, si alza una mattina con il pallino del giornalista di cronache dai mondi e citando la celeberrima frase “scendo a prendere le sigarette” sparisce per eoni per naufragar dolce nell’altrui mar. E’ ancora aperta la discussione sulla figura di Penelope; donna saggia e fortunata a non averlo in giro o priva di amor proprio? Ai posteri l’arda sentenza.

Per fortuna in ogni epica avventura c’è qualcuno che deve contrapporsi all’eroe cercando di farlo colare a picco o divorare lui e le sue manie espansionistiche.

Le sirene. Creature che non frequento solo per una ingestibile allergia all’umidità salmastra che mi decima neuroni e salute, ma che ammiro da lontano con fervente passione.

 

8) ULISSE2

No , non è il proseguimento della protesta contro i libertini vestiti da ambasciatori della Conoscenza. E Ulisse ormai è tornato a casa nelle abili manine della moglie che spero gliele stia restituendo con gli interessi. Mi riferisco al programma condotto da Alberto Angela. Chi meglio del Cicerone con il sorriso da Stregatto del piccolo schermo che da anni erudisce grandi e piccini può incarnare meglio il sagittario? Il 12 volte cintura nera di risposta veloce al quiz senza aiutino da casa. Il filosofo del sudoku. Lo Sherlock dell’enigmistica. L’aspirante pirata dei Caraibi. Il relic hunter dei continenti perduti.  Un toccasana per le giornate in cui già ti senti in fondo alla scala evoluzionistica vicino alle amebe o ai vermi da esca e ti ci voleva Angela per renderti conto di quanti neuroni di differenza ci sono tra i Sapiens e gli Eruditus . La prossima evoluzione delle scimmie. Lo dico a bassa voce e nel privato di casa mia , ma coltivo la segreta idea che in realtà la famiglia Angela sia una esempio di I.A Intelligenze artificiali ,figli degli dei minori Wikipedia e il Grande Cocomero geneticamente potenziati con il dna alieno dei grigi precipitati a Roswell.

 

9)DICONO TUTTI CHE NON C’È …

… ma io che l’ho visto so dov’è. Forse si nasconde in mezzo agli alberi. La sindrome da Peter Pan qui raggiunge manifestazioni che sfiorano il paranormale e contribuiscono a mantenere in piedi il settore della psicologia oggi messa in crisi dall’auto aiuto e dalla New Age. Tra i due litiganti il terzo se la ride e fa quel che gli aggrada sedendo lieto sui divani o sui tappeti di turno, elargendo sospiri, sorrisi e grandi cenni di approvazione del capo , giusto per dare valore al denaro investito , e far sentire utile il professionista di turno. Quello che i dottori o maestri non sanno è che Lui è più unico che raro, un patrimonio dell’umanità, una delle meraviglie del mondo moderno a pari merito con la lavatrice, pertanto non può essere ridotto ad un archetipo, chiuso in una definizione, compreso e apprezzato nel suo vero valore da nessuno che non sia un semidio. Voi che di semidio avete solo il tallone di Achille infiammato a furia di tentativi di stare dietro ai suoi umori , non azzardatevi però a cambiare oggetto di adorazione. Si risente tantissimo se non passate parte delle vostre giornate a tentare di accalappiarlo e adorarne il pellame.

 

10) MASTRO LINDO

Non nel senso che è un maniaco dell’ordine e della pulizia tanto che non esce di casa se non ha allineato le ghette e gli zoccoli. Per la legge dei grandi numeri ci saranno anche sagittario ordinati e meticolosi. Probabilmente. I più hanno cose ben più importanti da fare che darsi alle frivolezze dei doveri domestici. Già portatore del peso della cultura , ammorbarlo con liste della spesa, commissioni, bollette, pasti, bambini urlanti, vecchietti con l’artrite è un chiaro tentativo di ostacolare la missione della sua vita. Missione per cui, tra l’altro ha sacrificato senza dolore e reticenze la sua Ombra. Una ceretta brasiliana in piena regola. Quella povera Ombra spaventata dai fiaccanti inseguimenti del suo proprietario con tanto di ramazza brandita come una mazza da cricket e ora profuga in attesa di permesso di soggiorno.  Che male potrà aver mai fatto povera creatura per meritare un simile trattamento? Il male di tutte le ombre. Quella di vestire abiti scuri, di avere voce stridula, di essere politicamente scorretta, mangiarsi le unghie e avere le occhiaie,essere pesante, malinconica, e bisognosa di cure.

 

11) THE VOICE

Poiché in natura tutto tende al massimo risultato con il minimo sforzo ogni cellula del Sagittario è un manifesto di efficiente vitalità. Ci sono segni che si compiono nella bellezza, altri nella prestanza fisica, alcuni eccellono nel ragionamento o nella dialettica. Il Sagittario oltre al garrese bello alto e alla coscia modellata dalle gare di chi arriva ultimo resta senza cena, è dotato di polmoni da apnea e voce da Banshee. State pur certi che se ne sentite l’eco raggiungervi siete fregati. E la sentite, fidatevi, come la tramontana.  Anche con gli auricolari. Anche da lunga distanza. Vi si rizzano i capelli sul collo.  Addio libertà, addio fatti vostri e possibilità di defilarvi garbatamente . Ha scoccato la sua freccia e ha incollato l’etichetta con il vostro nome su qualche suo progetto di cui si era dimenticato e che non può terminare perché nel frattempo sarà a costruire gabinetti in Africa.

 

12) FIUMI DI PAROLE

Se sta zitto per più di 5 minuti o sta ingollando un pezzo di tacchino al forno con patate o si è preso una laringite di quelle che qualcuno , per sfinimento, durante l’anno gli ha augurato. Normalmente il suo cervello è una pentola che bolle e sputacchia cose varie ed eventuali a random investendo l’essere deambulante che si trova nei paraggi. Per supportare la teoria secondo cui può più la parola della spada (non ama molto scrivere perché a dispetto della lingua più veloce del west la sua mano dominante non lo è altrettanto) è dotato di una favella sciolta e di timbro stentoreo offensivi quasi quanto spada e alabarda.  In altre epoche sarebbe potuto essere l’incarnazione di uno strillone Dickensiano o di un proclamatore di versi negli anfiteatri . Se confuso circa la sua carriera potrebbe ben dirigere i suoi sforzi in mestieri come lo speeker radiofonico, l’annunciatore del telegiornale, il cantante lirico , il sadico addestratore di marine, il predicatore domenicale o l esorcista.

 

13) MALATTIE RARE

Alla parola organizzazione ha il primo sussulto. Alla parola agenda manifesta i primi segni di confusione e perplessità. Forse è materia di corsi avanzati che non ha frequentato. Se sente pronunciare planner appaiono i primi sintomi di orticaria psicosomatica. Se aggiungete impegni e appuntamenti compaiono anche irritazione oculare e tosse di gola. Nel giro di un minuto è fuori gioco, con la testa dolorante parcheggiata di lato sul tavolo, lo sguardo perso in un punto imprecisato del vuoto e il respiro irregolare. I colleghi sono nel panico. Mentre i colleghi sono nel panico, la donna delle pulizie, una che ne ha viste nella sua lunga carriera negli uffici, (comprese molte puntate di E.R, dottor House e Good doctor ) prende in mano la situazione. Dopo avergli sbottonato la camicia e tastato un po’ qui e là per valutarne i riflessi annuncia professionale “lo stiamo perdendo. Lo stiamo perdendo … caffeina svelti!” Dopo un paio di litri di caffè nero bollente in infusione rapida il povero Sagittario riapre gli occhi chiedendosi perché ha il palato ustionato ed è mezzo svestito. Un addio al celibato? Dio chi ha scelto questa racchia di spogliarellista?

 

14) SINGLE È BELLO

E’ una pura e semplice constatazione che ogni divorzio inizia con un matrimonio. E che il matrimonio è la tomba dell’amore visto quanto in fretta si ingrassa, si diventa calvi, irati e pieni di rughe da espressione sugli anni futuri ipotecati per recitare il ruolo della famiglia del mulino bianco. Qualcuno ancora spera di svegliarsi un mattino e sentire in filo diffusione una voce dire “ sorridi sei su scherzi a parte!” Il sagittario è quello che l’amore è eterno finché dura e dura di più ognuno a casa sua. E i matrimoni sono belli. Quelli degli altri. Dove sei invitato per mangiare tutto quello che ci sta senza far saltare il bottone, ballare rock and roll e hip hop, corteggiare le damigelle vestite da confetti rosa, tirare il riso agli sposi, attaccare barattoli di pelati alla 500 degli sposi e fare selfie macabri con la dentiera della bisnonna Pia nel bicchiere di prosecco bio.

 

15) EQUO E SOLIDALE

Scena casalinga; Lei sagittario immersa nell’atmosfera gioiosa del natale. Lui capricorno con tendenze francescane e calcolatrice alla mano. Oggetto; due statue indiane di Shiva e Shakti alte un metro e dipinte a mano. Sul cartellino si evince che propiziano l amore di coppia duraturo e felice

-Lui; tesoro sono … veramente brutte! (si è trattenuto)

-Lei; sono dipinte a mano da ragazzi raccolti dalla strada (cerca di vedere la bellezza estrinseca)

-Lui; sembra di avere una coppia di bambole assassine in casa (smorfia di disgusto)

-Lei; basta girarle di tre quarti verso destra e metterle vicino all’ingresso

-Lui; Non le voglio in casa. Anche Nerone (il gatto) ne è spaventato.

-Lei; ma amore è per benedire la nostra unione con la felicità e tenere lontano le invidie.

-Lui; di certo spaventa chiunque abbia l’incauta idea di venire a trovarci, ladri compresi!

-Lei; solo gli ignoranti di simbologia indiana possono sentirsi offesi dalle statue e di loro si può fare a meno!

-Lui; sono ignorante di simbologia indiana anche io.

-Lei; sciocchino …

-Lui; o loro o me. Scegli con chi vuoi vivere …

-Lei; ma amore sono eticamente sostenibili, ecologiche, biodegradabili e positivamente vibrazionali

-Lui, e io sono tuo marito , compagno di vita nella buona e cattiva sorte e padre di tuo figlio!

-Lei ; se le rimando indietro quei poveri ragazzi ci resteranno male …non posso fargli questo

-Lui; preferisci che ti rimando indietro da tua madre?

-Lei; …

 

Ebbene ragazzi e ragazze anche questo mese siamo riusciti a conoscere i lati semiseri di un altro big dello zodiaco. In attesa di riprendere le attività dopo la befana, vi auguro buone feste.

Restate con noi e continuate a seguirci nelle nostre bizzarre avventure. Perché sono quasi certa che il nuovo anno porterà novità . E fatevi sentire. Lasciateci un segno di apprezzamento o un commento.

A presto

Taiga Reyn

FAMMI VEDERE CHE SEI VIVO!!!.. Lascia un commento e dimmi che pensi...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright © 2018 Lapofthegod.com. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta tramite alcun procedimento meccanico, fotografico o elettronico, o sotto forma di registrazione fonografica; né può essere immagazzinata in un sistema di reperimento dati, trasmessa o altrimenti essere copiata per uso pubblico o privato, escluso l’“uso corretto” per brevi citazioni in articoli e riviste, senza previa autorizzazione scritta dell’editore. Lapofthegod non dispensa consigli medici né prescrive l’uso di alcuna tecnica come forma di trattamento per problemi fisici e medici senza il parere di un medico, direttamente o indirettamente. L’intento di lapofthegod è semplicemente quello di offrire informazioni di natura generale per aiutarvi nella vostra ricerca del benessere fisico, emotivo e spirituale. Nel caso in cui usaste le informazioni contenute in questo sito per voi stessi, che è un vostro diritto, lapofthegod non si assume alcuna responsabilità delle vostre azioni. Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: