VIZI VIRTÙ E PECCATI CAPITALI DEI SEGNI ZODIACALI

15 SFUMATURE DI CAPRICORNO

CAPRICORNO

15 SFUMATURE DI CAPRICORNO

 

1)Il Paladino delle cause dimenticate.

Il capricorno sarebbe un ottimo agente federale della sezione crimini irrisolti. Al suo occhio critico non sfugge nessuna incongruenza. Dove c’è un istanza dimenticata c’è pane per i suoi denti. Dove c’è stata negligenza il suo senso dell’ordine pubblico starà indossando la calzamaglia da super eroe e salendo vigoroso sulla bicicletta ecologica a pannelli solari per raggiungere il luogo del misfatto e fiutare la puzza dell’oltraggio commesso fino al reo mimetizzato nelle nebbie dell’omertà collettiva.

E’ nato con il libretto delle istruzioni per avere un fisico bestiale in un mondo che è una valle di lacrime e disgrazie. Le sue dotazioni di fabbrica sono; un cervello da stratega alla Sun Tzu, lo sguardo laser alla Ciclope che incenerisce ogni tentativo di umorismo fuori luogo durante gli interrogatori, un repertorio enciclopedico di aneddoti, riferimenti storici, scientifici e filosofici per smontare i castelli di sabbia venduti per verità. E, a seconda della corporatura e del senso estetico, una bella spada di Damocle o il bastone di Mosè con cui si sottomettono persino le maree. I delinquenti dilettanti sono avvertiti.

 

2)Penso dunque sono

Se sostate abbastanza a lungo in religioso silenzio in prossimità corporea del Capricorno mentre è impegnato nella progettazione di Utopia, pertanto meno sulla difensiva, potrete sentire nitidamente gli ingranaggi del suo cervello cigolare senza sosta. Talvolta in fase di sintesi cognitiva ,dopo lungo e penoso rimuginare, potete trovarli impalati nei luoghi più strani , focalizzati su un punto imprecisato del futuro che si stanno giocando a scacchi con il Destino.  La tentazione di immortalarlo mentre indossa quella mimica circense da funambolo tra sogno e realtà potrebbe essere irresistibile. Come per i sonnambuli ,anche questo stato meditativo ha una fase Rem ( ruga. d’espressione. minacciosa) che è meglio non interrompere. In quel momento il trasferimento dati da problema a soluzione è topico e svegliarli  potrebbe costarvi danni fisici di varia entità. Ovviamente non ricorderebbe di avervele suonate e passereste anche da bugiardi.

 

3) Il magico potere del riordino.

L’occhio impietoso a raggi x che scova anche il pulviscolo atmosferico appena naufragato in casa e depositato dove stona con l’arredamento e il quadro monocolore appena appeso. La ragion pura che seleziona con piglio nazista gli oggetti e li divide in ; “tieni, ricicla ,regala e butta” quelli che ieri erano i tesori del cuore per esercitare il non attaccamento. Un posto per ogni cosa e per quello fuori posto il cestino. Armadi ,cassetti e oggetti personali orgogliosamente sull’attenti e in ordine di altezza, colore, peso e stagione. Il superfluo fa cafone, socialmente disarmonico e spiritualmente diffidente verso l’abbondanza universale. (qui forse la filosofia shintoista aiuta perché il Capricorno ha una visione non proprio idilliaca delle infinite possibilità , del tipo se capitano, capitano agli altri) Senza trascurare il fatto che queste manie, prima vissute di nascosto, sono state organizzate in un ordine professionale legalizzato per il quale può chiedere fior di euro. Il mondo ha bisogno di tante Marie Kondo!

 

4) Gli ottimisti muoiono prima

“Il pessimista si lamenta del vento. L’ottimista spera che il vento cambi. Il realista aggiusta la vele”

Imperando il malcostume di spacciare per ottimismo la mancanza di auto conservazione che spinge l’uomo medio ad attraversare sulle strisce senza guardare chi sopraggiunge, dicendosi che su quel pezzo di strada il pedone è il re del mondo e, sono gli altri a doversi fermare, con le conseguenze che conosciamo, qualcuno deve dare prova di Buon senso. Ecco perché il Signore delle regole e dell’esperienza, che sappiamo essere l’icona della prudenza , conosce del codice della strada cavilli  che persino alla scuola guida non insegnano.  Come esempio di Sana Condotta è suo preciso dovere conoscere le responsabilità che competono a pedone, automobilista, vigile e testimone.

Sapendo questo è comprensibile che non possa uscire di casa con animo sereno. Salvo che sia sotto gli effetti collaterali dell’alcool dello sciroppo o un eccessiva dose di camomilla montana assunta per sedare l’ansia che negherà di essere conseguente alla lettura le statistiche sugli incidenti. Che c’è da essere ottimisti?

 

5) Ora et Labora

Se può soprassedere sulla gola, sa capisce la lussuria (quella altrui) e ammicca all’avarizia (oggi rinominata decrescita felice e minimalismo ) che ha dei lati positivi, etici ed ecologici che in tempi come questi sono oro che riluce, non può proprio chiudere un occhio sulla Pigrizia.

L’ozio è davvero il Padre fertile di tutti i vizi peggiori che abbruttiscono la collettività e chi ne fa largo uso carica sulle spalle altrui il proprio lavoro incompiuto ,ragion per cui meritano la punizione di essere esclusi da tutti i piaceri della vita tra cui il cibo e il sesso.

Chi non lavora non mangia e non fa l’amore. Punto. E se ti lamenti preparati a essere preso a frustate. L’inerzia è il Principio della decadenza e una mancanza di volontà che potrebbe essere giustificata solo con una lobotomia per cause mediche. Sappiate che fiuta le bugie come un cane da tartufi, quindi fingere menomazioni mentali o fisiche garantisce solo punizioni in grado di realizzare quelle che sono uscite dalla vostra bocca come bugie e sono diventate  a metà strada profezie che si avverano.

 

6)Volere è Potere

Al motto “non si muove foglia che Dio non voglia” oppone una strenua resistenza ideologica motivata dal fatto che Dio sta lassù dove il cielo è più blu e nessuno lo può giudicare , ma quaggiù, a casa mia comando io.  Si avvale del libero arbitrio e dell’emancipazione dal complesso di Edipo, Elettra e dei bontemponi di varia provenienza mitologica. Autodeterminazione.

Quindi fa niente se oggi che ha tirato fuori dall’armadio quel paio di scarpe da reato tacco 12 blu regalate da un fantasioso fidanzato a Natale, a cui vuole dare un’opportunità di rivelare qualità sfuggite al suo buon senso prima di regalarle all’amica che fa Bourleque e sa stare in equilibrio anche sugli spilli, e fuori è la succursale della Siberia. La strada è una pista di pattinaggio , tira vento ed così buio che sembra di essere in un inverno scandinavo. Era stato deciso oggi e oggi si fa l’esperimento. Insomma ,tenendosi al corrimano delle scale , rasentando la siepe, affondando il piede delicatamente a velocità bradipo, vuoi che non riesca ad arrivare all’auto parcheggiata dall’altra parte della strada? Nei telefilm ci sono le poliziotte che corrono con i tacchi alti d’inverno dietro ai colpevoli e li prendono al volo senza cadere. Sarà questione di tecnica. Tutto qui.

 

7) Vedere per Credere

Per buona parte della sua vita incarna più che degnamente il San Tommaso concreto, analitico, miscredente della compagnia . La fede teologica è oggetto di ferventi discussioni ma difficilmente materia appagante per la sua tendenza gnostica a voler fare esperienza sul proprio corpo piuttosto che fidarsi ciecamente di un assunto di uso e consumo dei suoi detrattori. Può succedere, ad un certo punto della sua vita, che finisca folgorato sulla sua via per Damasco e la definizione di mondo arrivi a comprendere panorami più ampi. Ma la tentazione di cercare teorie scientifiche che rendano plausibili le sue percezioni e arricchiscano il suo vocabolario di episodi di cultura invece di folclore o superstizione lo tengono sempre al di qua delle colonne d’Ercole del mondo conosciuto.

Non amano oltrepassare quei limiti di buon senso che trasformano un saggio in folle.

 

8) L’occasione fa l’uomo ladro!

Ricordate Prometeo? L’uomo che decise di rubare il fuoco agli dei per portarlo in beneficio agli uomini e che, per punizione fu incatenato su un pianoro dove ogni giorno un aquila ne divorava il fegato. Organo che puntualmente gli ricresceva così che quella povera aquila era costretta a ritornare da lui ogni santo giorno? Ebbene il Capricorno ha questo stesso modello di azione riveduto e corretto per i tempi moderni, ma sempre funzionante e prevedibile nei risultati.

Si annoia di quello che ha. Cerca una missione per cui essere autorizzato a mollare la noia e andare a sfidare gli dei sulla montagna. Si innamora del Fuoco a cui si riscaldano e pensa, traboccante di futura gloria, “tornerò in patria con una meraviglia per cui sarò ricordato nella storia” e si improvvisa Arsenio Lupen pensando anche che l’ azione passerà inosservata. Con scatto felino e abile mossa si appropria del malloppo. Torna in patria e ,non solo i suoi simili lo guardano con sospetto, ma i proprietari dell’oggetto rubato lo beccano in flagranza di reato e lo puniscono.

E Lui, che dice di passare sopra le cose ma in realtà le archivia in ordine alfabetico, riesce a rendere eterna la sua punizione sperando nell’arte liberatoria del senso di colpa collettivo.

Chi è cagione del proprio male.

 

9) Lo strano caso di Benjamin Bottom

Che l’autore di questa novella da cui è stato realizzato un film (con Brad Pitt se qualcuno fosse interessato) avesse in mente i nostri stambecchi d’alta quota quando l’ha scritta?

Chi ha avuto modo di frequentarli un po’ sa che nascono stagionati 36 mesi come il Parmigiano Reggiano. Pronti per entrare nel mondo e rivestire il proprio ruolo nella famiglia e nella società anche se grossi due mele o poco più. Praticamente sono dei vecchi saggi costretti in un corpo piccolino che nonostante l’uso massivo di forza di volontà, li ostacola nelle loro manie di conquista. Quelle grinzette sono proprio rughe di espressione incavolata per tutte le cose che è costretto a rimandare nel futuro poiché ora non riesce neanche a raggiungere le gambe della sedia. E i pisolini a tradimento che gli stoppano le facoltà pensanti nel bel mezzo del parto di una teoria scientifica di importanza mondiale? Ma come dei Dorian Gray barattano il sacrificio di essere patriarchi in un mondo di poppanti nutrendosi della giovinezza che questi perdono crescendo. Così ad un certo punto della loro vita voi siete afflitti dal peso dell’età adulta e loro sbocciano adolescenti brufolosi e con palpiti d’amore che li rincretinisce ma gli stende le rughe senza botox.

 

10) Revers Harem

Già mi immagino le facce dei nostri coriacei Capricorno davanti al recondito e segreto sogno proibito di essere i dominatori di un folto harem. Si alzerebbe uno stentoreo No, da far tremare i muri del Taijmahal. Perché a prescindere da ciò che dichiarano sulla libertà di espressione di se stessi sono dei Rivoluzionari Conformisti. Sogni proibiti e Fantasie. Entità con cui i Capricorno sono ancora in conflitto nonostante la psicanalisi le abbia sdoganate dallo zoo delle perversioni. Lo so che basta leggere “L’interpretazione dei sogni” di Freud per decidere che la negazione è un atto salvifico dell’amor proprio .E che Darwin aveva un feticismo segreto per le scimmie quindi amava l’idea di discendere da esse. Ma onestamente che problema c’è a possedere l’animo da dominatore?  Al serpente tentatore nel giardino dell’Eden è andata bene che non fosse ancora nato perché gli sarebbe toccato molto di peggio della sola cacciata, visto come brandisce le fruste , usa le manette e le fascette da elettricista.

 

11) Morbosamente formale.

Da fuori non lo direste mai. Dovreste arrivare a casa sua come la swat e fare irruzione mentre sta preparando la colazione, controllando la lavagna con i post it sulle priorità della giornat e con il caffè sul fuoco, il gatto che gli morde la caviglia per avere la sua dose mattutina di paté per trovarlo scompigliato e perso nei suoi 15 minuti di sciatteria. Perché fuori casa lo vedrete sempre con indosso il dress code da top manager. Non succederà mai che il duo modaiolo di “ma come ti vesti?” lo becchino in castagna con il fazzolettino da taschino stonato o la collant 70 denari che fa vene varicose. Il capello ribelle sarà domato con 100 colpi di spazzola. L’occhiaia da panda coperta con un sapiente camouflage. Le unghie laccate di profondo rosso del tuo sangue se invadi il mio spazio vitale. Niente camicette con fantasie da tende della cucina di zia Papera o boxer floreali hawaiani . Chiamatelo Dandy se volete. Ai discendenti dalle scimmie che si sentono autorizzati ad uscire di casa con la dignità sotto le croc viola e il senso civico infilato nella tasca posteriore dei pantaloni della tuta sbrindellati da lavatrici selvagge e che sottolineano un fisico bestiale non resta che incassare lo sguardo altero e sardonico dell’Elfo sullo Hobbit.

 

12) Trasgressione, controllata

Gli ormoni si sa fanno fare cose di cui inevitabilmente ci si pente. C’è chi al cambio dei globuli rossi diventa misantropo e chi prova attacchi di trasgressione compulsiva. Al Capricorno tocca fare i conti con la propria voglia di stupire con effetti speciali.  Irritato dal frequente commento, per cui la sua più grande trasgressione è sforare i tempi di cottura del risotto alla milanese, un giorno di ordinaria follia decide di uscire dai suoi panni di Very Normal Peolpe, facendo il gesto che lo renderà pavido. Qualcosa che faccia ricredere i mal pensanti di cui si circonda affetto da insolito destino. Siccome il tatuaggio è una tortura troppo lunga e c’è troppo tempo da stare seduto in compagnia della propria stupidità, l’opzione scelta è un bel piercing. Passato l’effetto dell’alcool bevuto per trovare nell’ebrezza la spinta a farsi sparare da un sadico certificato , si ritroverà affetto da amnesia selettiva e desideroso di vendetta verso quell’elemento di dubbia moralità, che sì e preso gioco di lui e ne ha deturpato l’integrità fisica facendolo sembrare uno di quei frequentatori di club sadomasochisti portati a spasso da gente ricoperta di lattice. Quando non hai bisogno di andarti a cercare nemici.

 

13) Il signore degli Anelli 2.0

C’era una volta un Capricorno – Hobbit di nome Frodo che si faceva la sua modesta e pacifica vita di villaggio senza inganno e senza lode. Un giorno di pioggia, ( nei film americani i momenti salienti capitano sempre con eventi meteorologici avversi che sembrano urlare a gran voce“vattene finché sei in tempo”) mentre Frodo sta per farsi la merenda di metà pomeriggio, dopo aver tirato a lucido gli armadi e fatto il cambio di stagione, sente bussare alla porta. Non avendo ascoltato quella voce ultraterrena che sussurrava “non aprire quella porta”, si trova davanti a Saturno – mago Gandalf, che, come un re magio, viene portando doni. Lasciatosi ingannare dall’aspetto regale e dall’altezza ( ti è stato insegnato di rispettare gli anziani e quelli grandi il doppio di te) accetta un po’ troppo a scatola chiusa il dono offerto. Che, rullo di tamburi, altro non e che L’anello di una lunga catena di sfortunati eventi che dimostreranno se il nostro eroe saprà restare con i piedi per terra (scusate è più forte di me) o soccomberà al lato oscuro della sua ambizione. Quando si dice Saturno contro.

 

14) La chimica dell’amore.

Volete farlo felice?Non tentate regali fantasiosi il cui unico pregio è che sono appunto originali ma di nessun uso pratico. Ecco è bellissima l’idea di immortalare il vostro amore nel cosmo comprandogli una stella che porterà per sempre il suo nome ( è che ricorderà a tentatori distratti che è proprietà privata) ma potreste ricevere un pallido assenso alla vostra epica impresa e poi sentirvi dire, con tutto il tatto e le motivazioni razionali inopinabili del caso, che sarebbe stato più produttivo adottare una pecora sarda aiutando l’allevatore e ricevendo a casa il formaggio fresco.

Insomma siate lungimiranti nei fatti e prolissi di romantici significati nell’infiocchettare gli attrezzi per il chi fa da se fa per tre (che è il suo motto). E se proprio volete essere il suo principe azzurro un diamante è sempre un ottimo investimento per il futuro.

 

15) Chi fa da se fa per tre

E’ un individualista nato. La parola Delegare sortisce su di lui lo stesso effetto di una proposta di fare una tonsillectomia senza anestesia. Ha un idea ben chiara di come dovrebbero essere fatte le cose per essere fatte Bene (ovvero a prova di critica).

Bene, nel suo caso specifico , significa “come me nessuno mai!” perché difficilmente qualcuno avrà speso tante energie fisiche ed emotive per garantire il risultato migliore in lunghezza, larghezza altezza e profondità. Anche se decidesse per ripicca di realizzare una schifezza assoluta , e la tentazione si insinua serpentiforme nei momenti di ipoglicemia, sarebbe comunque la miglior peggior versione possibile. Non esiste che abbassi la sua media da secchione anche con la luna storta.

Taiga Reyn

FAMMI VEDERE CHE SEI VIVO!!!.. Lascia un commento e dimmi che pensi...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright © 2018 Lapofthegod.com. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta tramite alcun procedimento meccanico, fotografico o elettronico, o sotto forma di registrazione fonografica; né può essere immagazzinata in un sistema di reperimento dati, trasmessa o altrimenti essere copiata per uso pubblico o privato, escluso l’“uso corretto” per brevi citazioni in articoli e riviste, senza previa autorizzazione scritta dell’editore. Lapofthegod non dispensa consigli medici né prescrive l’uso di alcuna tecnica come forma di trattamento per problemi fisici e medici senza il parere di un medico, direttamente o indirettamente. L’intento di lapofthegod è semplicemente quello di offrire informazioni di natura generale per aiutarvi nella vostra ricerca del benessere fisico, emotivo e spirituale. Nel caso in cui usaste le informazioni contenute in questo sito per voi stessi, che è un vostro diritto, lapofthegod non si assume alcuna responsabilità delle vostre azioni. Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: