Riflessioni

11 segni della condizione di vittima

Questo è il secondo articolo della serie sul ruolo della vittima e sulla sua manifestazione nella tua vita.

Parte 1. Perché le persone sono nel ruolo della vittima e come si manifesta questo stato.

Parte 2. 11 segni della condizione di vittima. (SEI QUI)

Parte 3. Come uscire dalle condizioni di vittima. (in pubblicazione il 7 giugno 2018)

 

Nel periodo che sta arrivando ora, devi essere attento allo stato in cui ti trovi.

La coscienza della vittima lascia il posto alla coscienza della creazione. Ma questo processo non va da solo. Nulla cambierà senza la tua partecipazione.

Bisognerà fare degli sforzi per sbarazzarti finalmente delle condizioni della vittima.

Ogni minuto di tempo, sii consapevole di chi sei, di ciò che senti, da ciò che le tue decisioni e azioni sono guidate.

Per facilitare il compito, ho evidenziato le caratteristiche principali che riguardano la coscienza della vittima.

Se sei nuovo sul tema della spiritualità, per te questo materiale servirà da guida, come NON devi fare, in quali stati e dannoso restare.

Per quelle con più esperienza aiuterà in tempo a passare dalla coscienza della vittima alla frequenza della sua anima.

Lista di controllo per determinare le condizioni della vittima

Presta attenzione alle aree della vita in cui continui sbagliare e in quali padroneggiano le condizioni della vittima.

Conoscendo i sintomi, sarà più facile per te capire che hai fallito, per uscire prima possibile dal buco 3D.

Lamenti sulla vita, salute, governo

Questo è il “genere classico”. Non appena hai notato che ti stai lamentando, renditi conto di ciò che la vittima sta dicendo in te.

Chiediti: cosa non ho fatto per me stesso o non voglio fare per migliorare le mie condizioni?

Insoddisfatto delle decisioni del governo: cosa posso fare nelle condizioni attuali? Come posso usare queste circostanze in mio vantaggio?

Offesa

Mentre sei sopraffatto dalle offese, non puoi guardare la situazione da un altro lato. Mentre sei offeso, i tuoi pensieri ruotano attorno a solo una cosa.

Ti blocchi in questo stato e la vita inizia a formarsi in base alle emozioni del risentimento.

Che futuro crei quando sei offeso?

Lamentele e colpe

La persona che si lamenta di altre persone si trova nello stato di vittima.

Si arrabbia perché gli altri non soddisfano le sue aspettative o addirittura i requisiti. È indignato.

Le affermazioni spesso nascondono sensi di colpa. La persona trasferisce così la sua colpa per qualcosa che non sta facendo giustamente ad altra persona: “È tutta colpa sua!”.

Vuoi sbarazzarti dalle lamentele e dai sensi di colpa, poniti la domanda: cosa sto nascondendo da me stesso? Per cosa mi sento in colpa?

Accetta te stesso, senza di questo non puoi avanzare ulteriormente.

Paura, ansia, panico

In uno stato di paura è impossibile pensare in modo costruttivo, prendere decisioni adeguate. Più resti nel panico, più ti oscura la mente.

In questo stato, puoi fare qualcosa di stupido.

Una domanda che ti aiuterà a cambiare: il panico mi aiuta a risolvere il problema?

Lo stato di nullità (non sono degno, sono “piccolo”)

La condizione di nullità ci limita in tutto.

In questo momento, credi che non sei degno di nulla, ti confronti con gli altri non per il tuo bene.

Ricorda che con te ci sono tutte le tue guide spirituali, gli angeli, tutti i tuoi antenati. Sono con te tutto il tempo, e in questi momenti il loro aiuto è particolarmente necessario.

Prova sentire la loro presenza o immagina che siano accanto a te proprio in questo momento, ti abbracciano, ti avvolgono con l’energia divina dell’amore.

Qualunque cosa accada, sono vicini. Basta non dimenticarlo.

Un altro esercizio: immagina di avere in testa una bellissima corona d’oro, cosparsa di pietre preziose. Richiama a te questa sensazione spesso, specialmente in quei momenti in cui ti senti insicuro.

Lo stato di bassa autostima sarà sostituito da una consapevolezza del proprio valore. La regina o il re non può essere inutile e indegna/o.

Ostilità verso il mondo

La persona vede in tutte le persone, nemici, ed è in tensione da questo ed è costantemente in attesa di un attacco.

Questo consuma un’enorme quantità di energia. Per alcune persone, questo comportamento diventa un’abitudine e diventa uno stile di vita.

Se questo non si ferma, le persone mettono a rischio le loro risorse, la salute e il benessere.

Concentrati sul tuo cuore, immagina là un sorriso. Mantieni quella visualizzazione per un po’. Esegue questo esercizio da solo e poi quando sei pronto, vai dalle persone con la consapevolezza di questo sorriso.

Si applichi regolarmente questa pratica, sentirai il rilassamento, l’ostilità da parte tua andrà via e noterai che le persone sono diventate più favorevoli per te.

Irritazione, rabbia, maleducazione

Se per molto tempo resti nelle emozioni negative, permetti alla coscienza della vittima di rientrare dentro di te.

La manifestazione frequente di queste emozioni può essere il risultato dell’incapacità di difendere i propri confini a causa d’insicurezza, incapacità a lasciare andare il controllo sulla situazione, mancanza di volontà ad accettare che non tutto può svilupparsi come ti è necessario.

Fai attenzione, in quale situazione reagisce con un’ondata di negatività e molto ti sarà chiaro.

Scuse e le lamentele di non poter farci nulla

Se noti che spesso ti giustifichi, stai cercando dei motivi per non fare ciò che hai programmato, in quel momento sei preso dalla coscienza della vittima.

Pensa a cosa ti ferma, di cosa hai tanta paura.

Che cosa succederà se continuerai a rimandare la soluzione di cose importanti per te.

Giudicare se stessi e gli altri

Quando giudichi te stesso o qualcuno, passi dalla tua verticale all’orizzontale. Ti butti indietro nel tuo sviluppo.

È più facile giudicare gli altri che alzarsi in piedi e fare qualcosa di utile per te stesso.

Se ti sei accorto di giudicare, fermati e pensa al motivo per cui ti stai giudicando, che tipo di problema hai.

Impotenza (non posso fare nulla, è tutto inutile)

L’impotenza può essere espressa sia come disperazione, sia come rilascio dell’aggressività. Scoppi di rabbia, quando ti sfoghi con i tuoi cari questo e per l’impotenza.

Dal fatto che non vedi una via d’uscita da questa situazione. Questo è lo stato della vittima.

Ricorda che hai sempre una risorsa per risolvere il problema che t’infastidisce.

Hai raggiunto l’impotenza solo perché hai cercato una via d’uscita, aggrappato al problema.

Questo è un segno che devi trasferire la soluzione del problema ai tuoi aspetti superiori. Fallo.

Rimanere concentrato sul problema accaduto

Scorri ripetutamente l’accaduto. Come faresti, cosa diresti, se ci fosse l’opportunità di riavvolgere il tempo indietro.

Così vivi nel passato. La situazione è già accaduta. Smettila di rimanere in questa palude. È tempo di accettare la situazione, passare alla fase successiva: capire perché è successo, imparare le lezioni e agire da questo punto. Non tutte le manifestazioni negative indicano che sei in uno stato di vittima.

Siamo venuti qua per provare l’intera gamma di sentimenti e anche quelli negativi.

Hai il diritto di vivere qualsiasi emozione. Se sei offeso, permetti a te stesso di offenderti, se hai qualche lamentela su una persona cara, renditi conto di avere il diritto di farlo.

Datti il tempo di stare in questo stato, trenta minuti, un’ora o due. Dopotutto, siamo tutti esseri umani! Ma non restarci a lungo.

Condividi, per favore, nei commenti in quali domande permetti ancora la coscienza della vittima di guidarti.

FAMMI VEDERE CHE SEI VIVO!!!.. Lascia un commento e dimmi che pensi...

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Copyright © 2018 Lapofthegod.com. Tutti i diritti sono riservati. Nessuna parte di questo sito può essere riprodotta tramite alcun procedimento meccanico, fotografico o elettronico, o sotto forma di registrazione fonografica; né può essere immagazzinata in un sistema di reperimento dati, trasmessa o altrimenti essere copiata per uso pubblico o privato, escluso l’“uso corretto” per brevi citazioni in articoli e riviste, senza previa autorizzazione scritta dell’editore. Lapofthegod non dispensa consigli medici né prescrive l’uso di alcuna tecnica come forma di trattamento per problemi fisici e medici senza il parere di un medico, direttamente o indirettamente. L’intento di lapofthegod è semplicemente quello di offrire informazioni di natura generale per aiutarvi nella vostra ricerca del benessere fisico, emotivo e spirituale. Nel caso in cui usaste le informazioni contenute in questo sito per voi stessi, che è un vostro diritto, lapofthegod non si assume alcuna responsabilità delle vostre azioni. Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: